Logo Etimos Foundation Logo Etimos Foundation Logo Etimos Foundation
it en
IDEE-testata-def.jpg
News
25/06/2013
Il microcredito di Etimos Foundation si racconta a un workshop promosso da Unipol

“La ricostruzione post-terremoto. Come ridurre i danni e farne il motore di uno sviluppo sostenibile” è il titolo del workshop promosso dal Gruppo Unipol in programma lunedì 1° luglio a Mirandola, presso Villa Fondo Tagliata.

Tra coloro che sono chiamati a raccontare l’esperienza di quest’anno di ricostruzione in Emilia ci sarà anche Marco Santori, presidente di Etimos Foundation, che presenterà i risultati ottenuti dal progetto di microcredito post terremoto gestito da MxIT-Microcredito per l’Italia, l’impresa sociale specializzata in inclusione finanziaria di cui Etimos Foundation è promotore e socio unico.

In poco più di 6 mesi di attività il progetto, avviato grazie alle risorse messe a disposizione da Renzo Rosso, fondatore del marchio Diesel, ha approvato oltre 110 finanziamenti per i volume che supera già i 2 milioni e mezzo di euro. Un sostegno rivolto sia a famiglie e singole persone, sia alle piccole e microimprese. Quest’ultime sono state destinatarie del 90% dei finanziamenti, con un’attenzione particolare per categorie spesso penalizzate nell’accesso al credito: attività di nuova costituzione, start-up e forme di autoimpiego (oltre il 25% dei finanziamenti), donne (oltre il 30%) e giovani under 35 (oltre il 25%).

«Il progetto è un connubio significativo tra innovazione sociale, solidarietà e imprenditoria illuminata» - sottolinea Marco Santori, presidente di Etimos Foundation -, che aggiunge: «Il microcredito è un atto di relazione e di fiducia che prevede la possibilità di ricevere restituendo, rimette al centro la dignità delle persone e valorizza la progettualità, le capacità dei beneficiari e il loro spirito imprenditoriale. Il nostro modello di intervento in Emilia si basa sulla collaborazione con tutti i soggetti del territorio, compresi gli istituti di credito: il suo successo dimostra che il nodo dell’accesso al credito si può risolvere. E si deve farlo».

Condividi