NETWORK ETIMOS
Logo Etimos Foundation Logo Etimos Foundation Logo Etimos Foundation
it en
INVESTIMENTI-testata.jpg
Coop-Id

Primo anno di investimento: 2009
Visita il sito >

Coop-Id è un’organizzazione specializzata nei processi di trasformazione del cacao e delle spezie. Nasce, nel 2009, nell’ambito degli interventi post-tsunami di Etimos in Sri Lanka, e in particolare di un progetto di sostegno ai piccoli produttori locali.

Etimos è stato il principale protagonista nello start-up di Coop-Id: nell'idea progettuale, nell'elaborazione del piano operativo, nella gestione e soprattutto nell'apporto di capitali.


Perché investiamo

L'idea iniziale è stata quella di coinvolgere e valorizzare l'intera filiera del cacao, coltivazione in declino nell'isola, nonostante l'alta qualità del ceppo locale, a causa delle dinamiche penalizzanti dei mercati internazionali e degli scarsi investimenti in tecnologie e competenze tecniche. Questo processo si è concretizzato da un lato nel coinvolgimento e nell'aggregazione dei piccoli produttori locali, prima in associazione e più recentemente in cooperativa, dall'altro nella realizzazione di un moderno impianto di raccolta e trasformazione della materia prima, che ha i suoi punti di forza nelle fasi di fermentazione ed essicazione (quest'ultima completata grazie a un forno alimentato a biomassa).

I risultati

Oggi Coop-Id si conferma esperimento felice di collaborazione e messa in rete di antichi saperi, tecniche agricole e professionalità appartenenti agli agricoltori che hanno avuto il coraggio di cogliere la sfida della condivisione e della partecipazione attiva in questo progetto. Ecco i principali risultati ottenuti:

  • il coinvolgimento di 891 piccoli e medi produttori locali
  • 45 produttori della cooperativa hanno scelto la via della produzione biologica che è stata certificata sia da enti europei che dal Dipartimento dell'Agricoltura americano
  • l'estensione totale del terreno lavorato dagli agricoltori di Coop-Id si estende per oltre 2000 ettari in due distretti, quello di Malale e in quello di Monaragala
  • un aumento del 200% del reddito dei produttori di cacao (da 150 Rs a 400 Rs per ogni chilo di semi di cacao secchi)
  • un aumento delle vendite tra il 2011 e 2012 da 68.00 euro a 160.000 euro
  • la crescita del personale: 5 dipendenti con funzioni direttive e 15 operai impiegati nella produzione.
Condividi