Logo Etimos Foundation Logo Etimos Foundation Logo Etimos Foundation
it en
IDEE-testata-def.jpg
News
11/03/2014
Etimos interviene al Workshop organizzato dalla Fao sugli investimenti nel settore agricolo

Etimos partecipa oggi a Roma al workshop tecnico organizzato dalla Fao sugli investimenti nel settore agricolo e presenta la propria esperienza di investitore sociale e advisor nel fondo Fefisol, dedicato a finanziamenti solidali in ambito agricolo e rurale in Africa.

L'invito della FAO è un'occasione importante per raccontare le nostre attività di supporto finanziario in Africa. Etimos ha promosso, infatti, FEFISOL nel 2011 in collaborazione con altri due investitori sociali europei (Alterfin e Sidi).

FEFISOL ha scelto di finanziare tre tipi di organizzazioni africane:
•    istituzioni di microfinanza
•    organizzazioni di produttori e cooperative
•    piccole e micro imprese agricole locali

FEFISOL sostiene quindi la nascita e lo sviluppo di micro e piccoli imprenditori agricolifinanziando Istituzioni di Microfinanza che forniscono servizi finanziari in aree rurali non ancora servite. Supporta inoltre la produzione agricola finanziando direttamente Organizzazioni di produttori, cooperative e piccole-micro imprese che producono per il mercato locale e regionale o che siano attive nel mercato biologico ed equosolidale.

Grazie al supporto e alla collaborazione con SOS Faim e MAIN-The Microfinance African Network, FEFISOL permette anche la realizzazione di servizi di supporto, training e formazione che aiutano le organizzazioni locali a rafforzarsi e migliorare le proprie capacità di gestione del business.

In breve alcuni dati significativi:

Totale dei finanziamenti concessi: 16 milioni di euro
Portafoglio attuale: 12 milioni di euro

Target geografico dei finanziamenti:

  • 20 paesi africani
    • 94% sub-sahariani
    • 6% nord africani
  • 54%: zone agricole e rurali non servite da servizi finanziari
  • 46%: zone semi-urbane

 

Suddivisione dei finanziamenti:

  • 74% a istituzioni di microfinanza che lavorano soprattutto in zone rurali e con clienti molto poveri
  • 16% a organizzazioni di produttori che hanno difficile accesso alle risorse finanziarie locali, che stanno certificando o sono certificati biologici/fair trade e che sono impegnati in una produzione ambientalmente sostenibile
  • 10% ad altre organizzazioni di microfinanza

 

Condividi